Dario Stefàno (Scorrano, 2 agosto 1963) è un manager e politico italiano di Sinistra Ecologia Libertà.


== BiografiaModifica ==
Laureato in economia, già membro della giunta di Confindustria Puglia, è anche docente all'Università del Salento, dove insegna "Economia e Contabilità Industriale".


=== Attività politicaModifica ===


==== Prima elezione in Consiglio RegionaleModifica ====
Consigliere regionale dal 2005 come indipendente de La Margherita di cui è stato capogruppo di maggioranza nel Consiglio regionale della Puglia a sostegno della prima Giunta del Presidente Vendola (Rifondazione Comunista). Primo degli eletti della lista in Puglia, è stato chiamato a presiedere la IV Commissione permanente Sviluppo Economico.


==== AssessoratoModifica ====
Nel 2009, sullo scorcio della consiliatura, a seguito di un rimpasto della Giunta di Nichi Vendola, viene nominato Assessore alle Risorse Agroalimentari e, di conseguenza, assume il coordinamento a Roma della Commissione Politiche Agricole nella Conferenza Stato - Regioni.


==== La Puglia per Vendola e "La Puglia in più"Modifica ====
Nel 2010, con 11.000 preferenze viene rieletto consigliere regionale con la lista civica La Puglia per Vendola dell'omonimo movimento di cui egli stesso è promotore. È Assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia anche nel secondo mandato Vendola.
Il movimento, organizzatosi negli anni successivi sul territorio, sarà poi rinominato "La Puglia in più", e Dario Stefàno ne diventerà presidente


==== SenatoreModifica ====
Nel dicembre del 2012 ha ricevuto 5.000 preferenze alle primarie di SEL, con la quale il suo movimento stringe un accordo per le politiche, per definire la composizione delle liste per le Elezioni politiche del 2013. Il risultato della consultazione gli permette di essere capolista da indipendente nella lista di Sel per il Senato. Il 25 febbraio 2013 è l'unico senatore di Sinistra Ecologia Libertà eletto in Puglia come membro del Gruppo Misto.
Il 5 giugno 2013 viene eletto Presidente della Giunta per le Elezioni, le Autorizzazioni e le Immunità del Senato della Repubblica.
Il 18 settembre 2013 dopo la bocciatura della relazione del senatore Andrea Augello (PdL) subentra come nuovo relatore sulla pratica della decadenza da senatore di Silvio Berlusconi.
Ha raccolto numerosi appunti della vicenda Berlusconi nel libro "La Decadenza", curato dalla giornalista parlamentare Anna Laura Bussa.


==== Candidato alle Primarie in PugliaModifica ====
Il 18 luglio 2014 si candida alle primarie del centrosinistra per la scelta del successore di Vendola come candidato al governo della Regione Puglia insieme all'ex sindaco di Bari Michele Emiliano (PD) e all'assessore Guglielmo Minervini (PD). Il 30 novembre 2014 si svolgono le primarie del centrosinistra e Stefàno, avendo ottenuto 42.216 preferenze (pari al 31,38%) si piazza dietro a Emiliano (57,18%) e stacca Minervini (11,44%).


==== Noi a Sinistra per la PugliaModifica ====
Nell'aprile 2015 è promotore di "Noi a Sinistra per la Puglia", progetto politico che riunisce sotto un nuovo simbolo SEL, La Puglia in Più, l'associazione Open di Guglielmo Minervini, e diverse espressioni che hanno partecipato attivamente all'esperienza vendoliana in Puglia. Noi a Sinistra per la Puglia elegge 4 consiglieri regionali.


== BibliografiaModifica ==
Decadenza. Il caso Berlusconi tra atti ufficiali, retroscena e manovre, Manni Editori, 2013


== NoteModifica ==
^ a b Il centrista di Sel che ha in mano il destino di Silvio
^ Regione Puglia: Consiglieri e Assessori regionali
^ Dario Stefano unico senatore di Sel eletto in Puglia
^ Intesa sulle commissioni Vigilanza RAI a M5S repubblica.it
^ Berlusconi: la Giunta respinge 15 a 1 la relazione Augello, sì alla decadenza
^ La decadenza - Il caso Berlusconi tra atti ufficiali, retroscena e manovre


== Collegamenti esterniModifica ==
Sito ufficiale, dariostefano.it.

, Wikipedia

Condividi