Doris Lo Moro (Filadelfia, 12 agosto 1955) è un'ex magistrato e politica italiana.


== Biografia ==
Ha svolto l'attività di magistrato, come giudice presso il Tribunale penale di Roma. Ha iniziato la sua esperienza politica nel 1993 come sindaco di Lamezia Terme (dopo due anni di commissariamento dell'ente locale per infiltrazioni mafiose), la città in cui risiede, ed è rimasta in carica per due mandati, fino al 2001, guidando Giunte di centrosinistra.
Componente della direzione nazionale dei Democratici di Sinistra, è stata vicepresidente nazionale della Lega delle Autonomie e presidente della società consortile Sviluppo area ex Sir (poi denominata Lamezia Europa). Impegnata nel settore antimafia, ha preso parte all'associazione Libera.
Membro del comitato dei soci ispiratori della Nuova Minerva, è stata collaboratrice della rivista Minerva e del settimanale Minerva Week.
Nel 2005 viene eletta al Consiglio Regionale della Calabria, candidata nella lista dei DS, ed entra a far parte della Giunta Regionale guidata da Agazio Loiero in qualità di assessore alla Tutela della Salute. Viene riconfermata nel Loiero-bis (a settembre 2006). Lascia l'incarico di assessore regionale a metà legislatura (novembre 2007), con la riformulazione della Giunta.
Successivamente viene eletta presidente dell'assemblea costituente regionale del Partito Democratico. Alle elezioni politiche del 2008 viene eletta alla Camera dei deputati nelle liste del PD.
È una dei quattro candidati alle elezioni primarie organizzate dal PD della Calabria, il 17 gennaio 2010, per individuare il candidato alla presidenza della Regione da proporre alla coalizione di centrosinistra.
Nel dicembre 2012 si candida alle primarie del PD, in provincia di Catanzaro, indette per eleggere i candidati del partito al Parlamento italiano in vista delle Elezioni politiche italiane del 2013, le primarie si sono svolte il 29 dicembre 2012 e l'On. Lo Moro ha ottenuto 4.446 preferenze posizionandosi al secondo posto tra i vari candidati e ottenendo l'elezione come candidata del PD al Parlamento italiano per le elezioni del 2013. L'8 gennaio 2013 la direzione nazionale del PD candida l'On. Lo Moro al Senato della Repubblica Italiana nella posizione numero due della lista PD nella regione Calabria. Il 25 febbraio 2013 viene eletta Senatrice della Repubblica Italiana.
Nel 2014, nella giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, vota contro l'autorizzazione ad utilizzare le intercettazioni telefoniche a carico del Senatore Antonio Azzollini, respingendo la relazione del Senatore Felice Casson (del suo stesso partito, PD).. Azzollini era indagato per una maxi truffa da 150 milioni di euro legata all'opera di costruzione del porto di Molfetta, appaltata nel 2007 e mai terminata.


== Note ==
^ corrieredellacalabria.it
^ Il Pd e la riunione d’emergenza per “salvare” Azzollini (e governo) L'Espresso, 8 ottobre 2014
^ Truffa da 150 milioni per il porto fantasma: sequestrata l'area, due arresti e 60 indagati. Coinvolto anche il senatore Pdl Azzollini. La Repubblica, 7 ottobre 2013


== Altri progetti ==

Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Doris Lo Moro


== Collegamenti esterni ==
Doris Lo Moro, su Camera.it - XVI Legislatura, Parlamento italiano.

, Wikipedia

Condividi