Fabrizio Bocchino (Erice, 26 novembre 1968) è un politico italiano, senatore della XVII legislatura.


== BiografiaModifica ==
Laureato in Fisica nel 1993 presso l'Unversità di Palermo con votazione di 110/110 e lode, con una tesi in Astrofisica alle alte energie. Dottorato in Fisica presso l'Università di Palermo nel 1997. Impiegato come Funzionario di Elaborazione Dati presso l'Osservatorio Astronomico di Palermo dal 1998 al 1999, con compiti di coordinamento delle attività del CED. Dal 1999 al 2001, vince una borsa di studio post-dottorato presso la Divisione di Astrofisica alle Alte Energie della Agenzia Spaziale Europea (ESA),con sede a Noordwijk (Olanda), dove studia l'emissione nella banda dei raggi X dei resti di supernova. Dal 2001, ricercatore astronomo presso l'Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) - Osservatorio Astronomico di Palermo, dove si occupata di ricerche riguardanti le esplosioni di supernove, loro interazione con il mezzo interstellare, e produzione di raggi cosmici.
Responsabile e co-responsabile di vari progetti di finanziamento, su tematiche analoghe, ottenuti su base competitiva dall'Agenzia Spaziale Italiana, Ministero dell'Università e della Ricerca e dall'Unione Europea.
Autore di 68 pubblicazioni scientifiche su riviste di settore internazionale con referee e di moltissimi contributi a congresso. Convocato più volte dalla NASA e dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA) a partecipare a comitati di valutazione di progetti scientifici, e più volte invitato dalle più prestigiose riviste del settore (The Astrophysical Journal, Astronomy and Astrophysics) a servire come referee per la valutazione di articoli scientifici.
Nel marzo 2013 viene eletto senatore della XVII Legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione Sicilia per il Movimento 5 Stelle. Nel maggio dello stesso anno viene nominato vicepresidente della VII Commissione Istruzione Pubblica e Beni Culturali del Senato.
A febbraio 2014 Antonio Noziglia mediante il blog di Beppe Grillo riporta una presunta sfiducia della base, contestata, oltre che dallo stesso Bocchino, anche da Francesco Campanella anch'egli sfiduciato.
Il 26 febbraio 2014 è espulso dal Movimento 5 Stelle assieme ai senatori Luis Alberto Orellana, Francesco Campanella, e Lorenzo Battista. Dal giorno seguente entra a far parte del Gruppo Misto.
Il 15 maggio 2014 è tra i fondatori della componente del gruppo misto Italia Lavori in Corso (ILIC) insieme ai senatori espulsi con lui Lorenzo Battista, Francesco Campanella e Luis Alberto Orellana a cui si aggiungono le senatrici dimissionarie Alessandra Bencini e Monica Casaletto (che non aderiscono al Movimento X degli altri senatori ex 5 stelle dimissionari) e la senatrice ex GAPP del gruppo misto Paola De Pin, già espulse dal Movimento.
Successivamente alla sua espulsione, insieme ad altri parlamentari fuoriusciti dal Movimento, ha proseguito nel versamento di metà dello stipendio e parte della diaria ad associazioni benefiche, così come imposto dal regolamento del gruppo parlamentare del M5S.
Ha aderito alla lista L'Altra Europa con Tsipras entrando a far parte, assieme al senatore Francesco Campanella, del Comitato nazionale eletto dall'Assemblea nazionale del 18 e 19 aprile 2015.


== NoteModifica ==
^ Bocchino e Campanella sfiduciati dal territorio
^ Io sfiduciato dalla base? è stato scritto solo da una dozzina di attivisti
^ Votazione per l'espulsione dei senatori Battista, Bocchino, Campanella e Orellana - Risultati
^ M5S, espulsi quattro senatori dissidenti È caos, lacrime e urla durante l’assemblea
^ senato.it - Scheda di attività di Fabrizio BOCCHINO - XVII Legislatura
^ http://www.italialavoriincorso.it/
^ M5S, senatori espulsi restituiscono 106mila euro e li donano a onlus: “Rispettato patto”


== Voci correlateModifica ==
Eletti al Senato della Repubblica nelle elezioni politiche italiane del 2013
Elezioni politiche italiane del 2013
XVII Legislatura della Repubblica Italiana
Movimento 5 Stelle


== Collegamenti esterniModifica ==
Fabrizio Bocchino, su Senato.it - XVII Legislatura, Parlamento italiano.
Fabrizio Bocchino, su Openpolis, Associazione Openpolis.

, Wikipedia

Condividi