Mario Francesco Ferrara (Lercara Friddi, 2 aprile 1954) è un politico italiano, più volte parlamentare.


== CarrieraModifica ==
Laureato in Ingegneria. Aderisce a Forza Italia e nel 1994 è eletto deputato alla Camera, nel collegio Sicilia 1. Non rieletto nel 1996, diviene consulente del presidente della Regione Siciliana Giuseppe Provenzano.
Eletto Senatore nel 2001 nel collegio di "Palermo Settecannoli", è segretario del gruppo di Forza Italia al Senato fino al 2006. Confermato alle elezioni del 2006.
Rieletto al Senato nel 2008 per il PdL, è Vicepresidente della VI Commissione permanente (Finanze e tesoro). Noto per uno degli emendamenti che hanno evitato la diminuzione consistente degli stipendi dei parlamentari proposto nella dura finanziaria 2011.
Da sempre vicino a Gianfranco Miccichè aderisce a Forza del Sud, e il 21 luglio 2011 lascia il gruppo del Popolo delle Libertà per aderire ad Coesione Nazionale - Io Sud, in seguito divenuto Gruppo Coesione Nazionale.
Alle elezioni politiche del 2013 viene rieletto al Senato in Sicilia, nella lista del Popolo della Libertà, in quota Grande Sud. Lascia il Gruppo Misto il 20 marzo 2013, per diventare presidente del nuovo gruppo Grandi Autonomie e Libertà. Fa parte della giunta per le elezioni in Senato.


== NoteModifica ==
^ Mario Francesco Ferrara / Deputati / Camera dei deputati - Portale storico
^ Casta, secondo colpo gobbo: più lavoriamo, più guadagna - Casta, Libero, Franco Bechis - liberoquotidiano.it
^ La politica si fa lo sconto, sfuma il taglio agli stipendi degli onorevoli - Repubblica.it
^ Scheda del gruppo "Gruppo Coesione Nazionale", senato.it. URL consultato il 2 maggio 2012.


== Altri progettiModifica ==

Wikiquote contiene citazioni di o su Mario Ferrara


== Collegamenti esterniModifica ==
Mario Ferrara, su Senato.it - XVI Legislatura, Parlamento italiano.

, Wikipedia

Condividi